tumore tiroide gatto

Ipertiroidismo Felino: Prevenzione

Luglio 6, 2021 redazione Comments Off

IPERTIROIDISMO FELINO: COSA SI PUÒ FARE IN TERMINI DI PREVENZIONE?

Con i numerosi fattori nutrizionali e ambientali probabilmente coinvolti nella patogenesi dell’ipertiroidismo nei gatti, c’è qualcosa che si può fare per aiutare a prevenire lo sviluppo di questa malattia nei gatti anziani?

Sulla base dei goitrogeni che sappiamo possono essere presenti nel cibo del gatto, nell’acqua potabile o nell’ambiente, possiamo certamente suggerire alcune misure che possono ridurre al minimo il rischio.

Anche se queste misure non impediscono lo sviluppo dell’ipertiroidismo, è improbabile che siano dannose e potrebbero persino migliorare la salute del gatto.

Dieta somministrata al gatto

In primo luogo, poiché tutti gli studi epidemiologici riportati fino ad oggi hanno identificato gli alimenti commerciali per gatti come un fattore di rischio per l’ipertiroidismo felino, la dieta dovrebbe essere valutata per la presenza di goitrogeni.

Evitare prodotti alimentari per gatti contenenti isoflavoni di soia, sembra ragionevole in quanto i gatti non hanno bisogno di questo ingrediente ed è altamente improbabile che ingeriscano mai la soia in natura.

Anche limitare la quantità di alimenti a base di pesce potrebbe essere importante, poiché il pesce può contenere alti livelli di iodio e può essere contaminato da PCB, PBDE, diossine e DDT (diclorodifeniltricloroetano), nonché mercurio e altri metalli pesanti.

Se viene somministrato cibo per gatti in scatola, selezionare alimenti commerciali che non incorporano un rivestimento epossidico contenente BPA all’interno della lattina è l’ideale, anche se è probabile che costituiscano l’eccezione. 

In alternativa, gli alimenti umidi per gatti forniti in sacchetti di alluminio da alcuni produttori possono essere scelti di preferenza rispetto ai cibi in scatola rivestiti con BPA.

Poiché l’eccesso o la carenza di iodio potrebbe certamente contribuire ad un aumento del rischio di ipertiroidismo, le diete che contengono quantità basse o lo iodio dovrebbe essere evitato. 

Sono inoltre sconsigliate grandi fluttuazioni nella quantità di iodio giornaliera somministrata ai gatti, in quanto potrebbero potenzialmente contribuire allo sviluppo dell’ipertiroidismo.

La cucina casalinga per il gatto è un’altra opzione che alcuni proprietari potrebbero preferire per garantire livelli coerenti e appropriati di iodio e altri minerali ed evitare la contaminazione con prodotti chimici industriali come BPA e PBDE. 

Se si sceglie questa opzione, si consiglia vivamente di consultare un nutrizionista veterinario per evitare carenze o squilibri nutrizionali.

Indipendentemente dalla dieta nutrita, è opportuno evitare di riscaldare alimenti in contenitori di plastica o conservare cibi grassi in contenitori di plastica o involucro di plastica. 

Il cibo deve essere riscaldato solo in ceramica o vetro per ridurre l’esposizione a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino che possono filtrare dai contenitori di plastica nel cibo.

Misure di sicurezza dell'acqua

I campioni di acqua di sorgente possono essere analizzati per determinare le caratteristiche generali di qualità dell’acqua e per verificare la presenza di contaminanti microbici, contaminanti chimici inorganici o organici (p. Es., PCB, diossine, BPA e altri ftalati, isoflavoni), erbicidi e altri pesticidi (es. atrazina) e sottoprodotti della disinfezione chimica (ad es. composti organici volatili, acido aloacetico).

Sulla base dei risultati dell’analisi, la depurazione dell’acqua può essere utilizzata per rimuovere sostanze chimiche indesiderate, contaminanti biologici e gas dall’acqua contaminata.

L’uso di un filtro dell’acqua di alta qualità per il rubinetto domestico o l’uso di acqua di pozzo può ridurre l’esposizione a numerosi o sospetti cancerogeni e sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino.

A meno che la fonte d’acqua domestica non sia nota per essere contaminata, è preferibile utilizzare acqua di rubinetto filtrata invece di acqua in bottiglia commerciale. 

Sebbene l’acqua in bottiglia provenga tipicamente da una sorgente o sia passata attraverso l’osmosi inversa prima di essere imbottigliata, alcune marche sono semplicemente acqua di rubinetto in bottiglia che può o non può aver subito alcun filtraggio aggiuntivo.

Lettiera per gatti

L’uso di lettiere per gatti è stato segnalato come un fattore di rischio per l’ipertiroidismo, ma non è stata stabilita una relazione diretta causa-effetto. 

Questa scoperta epidemiologica può semplicemente essere correlata al fatto che i gatti che usano più lettiera trascorrono molto o tutto il loro tempo in casa, mentre i gatti che non usano lettiera sono principalmente gatti all’aperto.

Quando i gatti vengono lasciati fuori senza sorveglianza, la loro libertà di vagare ha un costo perché hanno un rischio maggiore di ferirsi, ammalarsi o persino morire. 

Pertanto, poiché i gatti da casa generalmente vivono più a lungo dei gatti all’aperto, avrebbero più probabilità di sviluppare ipertiroidismo man mano che invecchiano.

Esistono diversi tipi di lettiera per gatti, alcuni dei quali contengono sostanze chimiche (p. Es., Deodoranti) che potrebbero teoricamente aumentare il rischio di sviluppare ipertiroidismo. 

Le lettiere più comunemente utilizzate includono i tipi a base di argilla e gel di silice, sebbene le lettiere biodegradabili di origine vegetale stiano diventando più popolari. Se la lettiera di argilla è polverosa, i gatti e altri membri della famiglia possono inalare la polvere di silice, il che può causare problemi respiratori.

I gatti, inoltre, possono essere ulteriormente esposti a causa delle loro pignole abitudini di pulizia, poichè generalmente rimuovono ogni traccia di lettiera o polvere che potrebbe essere sul loro mantello.

Le lettiere biodegradabili di origine vegetale o organiche possono essere prodotte da mais, grano, pasta di legno e giornali riciclati, e hanno meno probabilità di contenere sostanze chimiche rispetto alle lettiere di argilla e gel di silice.

Controllo ambientale

Poiché i PBDE sono ampiamente utilizzati come ritardanti di fiamma, è probabile che queste sostanze chimiche tossiche siano presenti in dozzine di prodotti nelle case della maggior parte dei gatti. Si trovano più comunemente nei prodotti in schiuma di poliuretano e nell’elettronica.

Vedi: Ipertiroidismo felino: Sintomi e cause

Fonti:

https://www.researchgate.net/profile/Mark_Peterson11/publication/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi