ipertiroidismo gatto

Ipertiroidismo Felino: Cause nella dieta

Giugno 22, 2021 redazione Comments Off

IPERTIROIDISMO FELINO: CAUSE NELLA DIETA

Sono stati tentati diversi studi epidemiologici per identificare potenziali fattori di rischio per l’ipertiroidismo felino, ma un singolo fattore dominante non è ancora stato isolato.
I candidati più probabili tra i fattori di rischio si dividono in due grandi categorie:

  1. Carenze nutrizionali o eccessi in cibo per gatti, che porta alla disfunzione metabolica;
  2. Presenza di composti nell’ambiente che perturbano la tiroide, nell’acqua potabile o nella dieta che interferiscono con l’ormone tiroideo;

Ipertiroidismo felino: carenze o eccessi nutrizionali del gatto​

Gli alimenti per gatti preparati commercialmente sono i principali candidati come fattore di rischio per lo sviluppo di patologie tiroidee e ipertiroidismo.

A sostegno di questa affermazione, tutti gli studi epidemiologici riportati fino ad oggi hanno identificato che l’alimentazione a base di cibi in scatola è un fattore di rischio per lo sviluppo di ipertiroidismo.

Uno di questi studi ha suggerito che particolari sostanze nei cibi in scatola (pesce, fegato e frattaglie) possono essere coinvolte. Certi rivestimenti all’interno delle lattine possono contenere il bisfenolo A, una sostanza in grado di interferire con la funzione della tiroide.

Gli isoflavoni di soia, noti fitoestrogeni in grado di agire sulla tiroide, sono presenti anche nella maggior parte degli alimenti secchi per gatti. Infine, l’eccesso o la carenza di iodio possono certamente svolgere un ruolo nell’aumento del rischio associato al consumo di cibo per gatti più presente in commercio.

Isoflavoni di soia​

Gli isoflavoni polifenolici della soia, vale a dire la genisteina e la daidzeina, sono comunemente usati come integratori alimentari e come fonte di proteine a basso costo, nonostante gli effetti negativi sull’asse ipofisi-tiroide siano stati ben descritti sia nei soggetti umani che negli animali da esperimento.

Studi sui ratti hanno rivelato una chiara relazione di causa-effetto tra consumo di soia e goitrogenesi. L’ipotiroidismo e il gozzo sono stati ben caratterizzati anche in neonati alimentati con formule a base di soia non iodata.

Tuttavia, gli isoflavoni di soia, sono stati identificati nel 60-75% degli alimenti per gatti. Praticamente tutti gli alimenti secchi e semi-umidi contenenti proteine di soia hanno un alto contenuto di isoflavoni, adeguato per interferire con la funzione tiroidea e diminuire la sintesi degli ormoni.

Sebbene una percentuale più alta di diete secche contenga isoflavoni misurabili, questi composti si trovano anche in circa il 60% delle diete umide per gatti.

Solo un singolo studio sull’alimentazione a breve termine ha valutato gli effetti dell’assunzione di soia nella dieta sulla funzione tiroidea nel gatto.

In quello studio, gatti giovani clinicamente normali sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una dieta a base di soia o senza soia per 3 mesi ciascuno.

Rispetto ai gatti che mangiavano la dieta priva di soia, i gatti nutriti con la dieta a base di soia avevano concentrazioni sieriche di T4 e T4 libere leggermente più alte.

Questi risultati indicano che l’alimentazione a breve termine di soia a gatti normali ha un effetto misurabile, sebbene modesto, sull’omeostasi degli ormoni tiroidei nei gatti.

Inoltre, la carenza di iodio aumenta notevolmente gli effetti antitiroidei della soia, mentre l’integrazione di iodio è protettiva. Data la tendenza ad abbassare i livelli di iodio nel cibo per gatti negli ultimi due decenni, una carenza marginale di iodio combinata con l’alimentazione di isoflavoni di soia potrebbe contribuire alla tendenza all’aumento dei casi di ipertiroidei che abbiamo visto?

Iodio alimentare​

Lo iodio è un oligoelemento naturalmente presente in alcuni alimenti, aggiunto ad altri e disponibile come integratore alimentare.

Lo iodio è un componente essenziale degli ormoni tiroidei. Lo iodio può svolgere anche altre funzioni fisiologiche nel corpo.

Ad esempio, ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie e può migliorare la funzione immunitaria (cioè mostra effetti antibatterici, antivirali e antimicotici) negli esseri umani.

Lo iodio può anche aiutare a prevenire alcuni tipi di cancro (specialmente il cancro al seno, gastrico e tiroideo) e l’integrazione potrebbe avere un effetto benefico nei pazienti umani affetti da displasia mammaria e malattia fibrocistica del seno.

A causa della chiara associazione tra dieta e ipertiroidismo, diversi studi hanno tentato di coinvolgere lo iodio nella causa o nella progressione dell’ipertiroidismo felino.

Il contenuto di iodio del cibo per gatti è estremamente variabile. Tuttavia, negli ultimi 30 anni si è verificata una tendenza verso quantità inferiori di iodio aggiunto, poiché il fabbisogno alimentare di iodio raccomandato nei gatti è cambiato.

Ipertiroidismo felino: la carenza di iodio potrebbe contribuire?​

La carenza di iodio è una causa nota della iperplasia della tiroide e del gozzo nell’uomo e negli animali, compresi i gatti.

Lo iodio è un elemento chiave nella sintesi degli ormoni tiroidei. Di conseguenza, un apporto inadeguato di iodio porta a basse concentrazioni di ormoni tiroidei circolanti, che stimolano la ghiandola pituitaria ad aumentare la secrezione di TSH.

Concentrazioni di TSH circolanti persistentemente elevate porteranno a iperplasia tiroidea e possibilmente gozzo. È possibile che, con un tempo sufficiente e una stimolazione continua, i tireociti iperplastici diventino autonomi, portando all’iperplasia adenomatosa e quindi all’adenoma tiroideo.

Poiché questi tumori continuano a crescere e funzionare indipendentemente dal controllo del TSH, ne deriverebbe l’ipertiroidismo, che porta alla soppressione della secrezione di TSH ipofisaria. In alcuni gatti può verificarsi poi la trasformazione dell’iperplasia/adenoma adenomatoso in carcinoma tiroideo.

Quindi, sulla base della tendenza verso livelli di iodio più bassi nel cibo per gatti negli ultimi due decenni, la carenza di iodio potrebbe contribuire all’aumento dei casi di ipertiroidismo che stiamo vedendo?

A sostegno di questo ragionamento, un recente studio ha riportato che i gatti che consumavano cibi commerciali che erano relativamente carenti di iodio avevano una probabilità più che quadruplicata di sviluppare ipertiroidismo rispetto ai gatti che mangiavano cibi con iodio.

E i potenziali effetti combinati?

È difficile prevedere come la carenza, l’eccesso o le ampie fluttuazioni nell’assunzione di iodio sarebbero gli unici responsabili dei cambiamenti adenomatosi della tiroide e dello sviluppo dell’ipertiroidismo nei gatti.

Tuttavia, la maggior parte, se non tutti, i gatti ipertiroidei sono anche esposti ad altri goitrogeni (p. Es., Isoflavoni di soia) o interferenti tiroidei nell’acqua, nella dieta o nell’ambiente (p. Es., BPA) per tutta la vita. Inoltre, carenze concomitanti di altri micronutrienti come ferro, selenio, vitamina A e zinco possono esacerbare gli effetti gozzogeni di una lieve carenza di iodio.

Pertanto, la carenza di iodio può agire insieme a queste altre carenze nutritive o goitrogeni (o entrambi) in un modo sinergico o cooperativo per influenzare più siti del metabolismo o dell’azione dell’ormone tiroideo. Nel corso di molti mesi o anni, ciò potrebbe portare ai cambiamenti adenomatosi della tiroide caratteristici dell’ipertiroidismo.

Selenio dietetico

Il selenio è un minerale traccia essenziale che viene incorporato nelle proteine ​​per produrre selenoproteine, che sono importanti enzimi antiossidanti e svolgono un ruolo nella funzione immunitaria e tiroidea.

Come lo iodio, il contenuto di selenio negli alimenti dipende dal contenuto di minerali del terreno in cui le piante sono cresciute o come vengono allevati animali. Gli animali che mangiano cereali o piante coltivate in terreni ricchi di selenio hanno livelli più elevati di selenio nei muscoli.

Come lo iodio, il selenio svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo tiroideo in molte specie, compreso il gatto. Quindi, una carenza di selenio può compromettere la funzione tiroidea.

Nei gatti alimentati con una dieta a basso contenuto di selenio, le concentrazioni plasmatiche di T4 totale sono aumentate in modo significativo, mentre la T3 totale è diminuita.

Come lo iodio, tuttavia, lo stato del selenio da solo non è correlato allo sviluppo di ipertiroidismo nei gatti, ma può ancora svolgere un ruolo additivo e/o sinergico nello sviluppo di questa malattia, specialmente nei gatti che sono carenti di questo minerale traccia.

È necessario intraprendere ulteriori studi per definire meglio il ruolo del selenio nello sviluppo dell’ipertiroidismo nei gatti.

Ipertiroidismo felino: composti che distruggono la tiroide nell'ambiente, acqua potabile o dieta​

Gli interferenti tiroidei possono colpire molti dei siti di regolazione o metabolismo dell’ormone tiroideo.

Il complesso sistema di assorbimento di iodio e produzione di ormoni tiroidei, così come il trasporto di ormoni tiroidei plasmatici, la conversione da T4 a T3, l’assorbimento di ormone tiroideo cellulare, l’attivazione del recettore cellulare o la degradazione dell’ormone possono essere tutti influenzati da interferenti tiroidei.

Bisfenolo A

Il BPA è un elemento fondamentale delle resine epossidiche comunemente utilizzate per rivestire l’interno delle lattine di metallo.

Questo sottile rivestimento aiuta a prevenire la corrosione della lattina e consente ai prodotti alimentari di mantenere la loro qualità e gusto. Il BPA viene anche comunemente aggiunto alle plastiche dure in policarbonato (ad esempio, biberon, borracce e contenitori per alimenti) per conferire forma e durata.

Il BPA è stato trovato in cibo, bevande, aria interna ed esterna, polvere del pavimento e suolo. Il BPA è una sostanza chimica preoccupante perché è un interferente endocrino ed è stato associato a vari effetti avversi sulla salute, inclusa la disfunzione tiroidea.

Allo stesso modo, in due studi che valutano gli alimenti per animali domestici, è stato riscontrato che la maggior parte degli alimenti per cani e gatti contenevano livelli misurabili di BPA; in uno degli studi, è stato confermato che il BPA nel cibo aveva avuto origine dalla lattina.

I risultati di quello studio hanno suggerito che, nel complesso, il consumo di cibo in scatola in vari momenti durante la vita di un gatto era associato a un maggior rischio di sviluppare ipertiroidismo.

Sembrerebbe che l’alimentazione di cibo per gatti in scatola possa rappresentare un rischio maggiore rispetto all’alimentazione di cibo da sacchetti o bustine.

L’esposizione quotidiana per tutta la vita anche ai livelli relativamente bassi di questa sostanza chimica trovati negli alimenti per gatti in scatola commerciali potrebbe provocare effetti potenzialmente dannosi.

Ci sono ampie prove in entrambi modelli animali sperimentali e sull’uomo che l’esposizione a basse dosi al BPA ha conseguenze negative sulla salute (p. es., diabete mellito, malattie cardiache, tossicità epatica, disfunzione tiroidea, infertilità e altri problemi riproduttivi).

È stato dimostrato che il BPA si lega direttamente al recettore dell’ormone tiroideo e agisce per interrompere l’azione dell’ormone tiroideo all’interno delle cellule spostando in modo competitivo T3 dal recettore, sopprimendo così l’attivazione della trascrizione dei geni regolati dagli ormoni tiroidei.

Agendo come antagonista del recettore dell’ormone tiroideo, il BPA potrebbe agire a livello ipofisario per aumentare le concentrazioni di TSH circolanti. Di nuovo, questo potrebbe portare a iperplasia tiroidea e formazione di gozzo nei gatti sensibili.

Inoltre, come altri agenti gozzi, gli effetti del BPA possono essere potenziati dalla presenza di una contemporanea carenza di iodio.

Eteri di difenile polibromurato​​

Gli eteri di difenile polibromurato (PBDE) sono composti bromurati sintetici che vengono utilizzati come ritardanti di fiamma in una varietà di prodotti di consumo come elettronica, mobili e tessuti, nonché materiali da costruzione.

La struttura chimica e le proprietà dei PBDE sono simili a quelli dei policlorodifenili (PCB), vietati negli Stati Uniti alla fine degli anni ’70. Come i PCB in passato, i PBDE sono diventati inquinanti organici persistenti ubiquitari; si bioaccumulano nell’ambiente, si biomagnificano lungo la catena alimentare e sono stati rilevati in quantità significative sia negli animali che nell’uomo.

Negli ultimi 30 anni, i PBDE sono diventati i principali contaminanti globali e sono stati rilevati nel tessuto adiposo umano, campioni di siero e latte materno raccolti in Asia, Europa, Nord America, Oceania e Artico. L’esposizione avviene principalmente attraverso la dieta (i PBDE sono presenti negli alimenti, nel latte e nell’acqua) e nell’ambiente interno (in particolare la polvere).

Come i PCB, alcuni degli effetti tossici dei PBDE possono derivare dalla loro somiglianza strutturale con gli ormoni tiroidei. Sia nell’uomo che negli animali da esperimento, i PBDE disturbano chiaramente il metabolismo degli ormoni tiroidei.

Altri studi hanno suggerito che la polvere domestica, piuttosto che la dieta, è la via più probabile di esposizione ai PBDE nei gatti.

In uno studio su 138 gatti da compagnia in Svezia, i ricercatori hanno scoperto che sia i gatti eutiroidei che i ipertiroidei avevano alti PBDE sierici, a concentrazioni circa 50 volte superiori rispetto alla popolazione umana svedese generale.

Nel complesso, questi studi mostrano che i gatti possono essere altamente esposti ai PBDE, presumibilmente a causa dell’ingestione di polvere domestica durante il loro normale comportamento di toelettatura.

Questi risultati forniscono anche prove convincenti del possibile ruolo dei PBDE nello sviluppo di tumori tiroidei e ipertiroidismo in gatti. Sono certamente giustificate ulteriori indagini sul ruolo dei PBDE nello sviluppo dell’ipertiroidismo nei gatti.

Se i PBDE svolgono un ruolo nell’iperplasia che porta all’autonomia tiroidea, apparentemente non lo fanno aumentando notevolmente il TSH.

Tuttavia, poiché è stato dimostrato che i PBDE si legano ai recettori degli ormoni tiroidei, è plausibile che possano agire sui recettori nucleari tiroidei ipofisari e/o in un punto temporale precedente, potenzialmente evolutivo.

Pesticidi o erbicidi ambientali

È noto che l’esposizione a sostanze chimiche ambientali (p.es., pesticidi, erbicidi) induce anomalie della tiroide in altre specie e le sostanze chimiche applicate direttamente a un gatto (prodotti topici per il controllo delle pulci) o all’ambiente del gatto sono state associate a aumento del rischio di sviluppare ipertiroidismo.

Nessuno di questi studi, tuttavia, è stato in grado di identificare uno specifico prodotto o componente delle pulci associato al rischio.

Altri goitrogeni o interferenti tiroidei

Oltre a quanto sopra, ci sono molti altri materiali goitrogenici (p. Es., Perclorati, PCB, resorcinolo, diossine, fluoruro, colorante rosso FD&C n. 3) a cui i gatti possono essere esposti attraverso la dieta, l’acqua potabile o l’ambiente che potrebbero contribuire a lo sviluppo dell’iperplasia adenomatosa tiroidea e dell’ipertiroidismo.

A sostegno di ciò, interferenti endocrini come metalli pesanti (p. Es., Mercurio) e idrocarburi clorurati (p. Es., Cloruro di polivinile, PVC) sono stati segnalati come contaminanti negli alimenti in scatola commerciali per gatti.

Leggi anche: Alimentazione del gatto anziano

Fonti:

https://www.researchgate.net/profile/Mark_Peterson11/publication/
232534900

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi